"O FIUME O MORTE!": UNA COLLEZIONE DI VOLUMI SU FIUME, LA LIBURNIA E IL CARNARO

Presentiamo qui di seguito un lotto di 84 volumi proveniente da biblioteca privata estinta: affascinante raccolta realizzata tra gli anni ’50 e ’70 da un collezionista esule istriano e interamente dedicata a Fiume, la Liburnia e la regione del Carnaro. Gran parte dei volumi appartengono al periodo che intercorre tra gli anni ‘20 e l’immediato dopoguerrra. 
La raccolta comprende alcuni volumi di carattere generale relativi alla storia, la cultura, le tradizioni e l’evoluzione socioeconomica del territorio (segnaliamo tra tutti il non comune Memorie per la Storia della Liburnica Città di Fiume G. Kobler, 1898, per altro unico testo del XIX sec. appartenente alla collezione). Il corpo centrale della raccolta è invece costituito da testi inerenti la cosiddetta Questione Fiumana: dalla Marcia dei Ronchi dei Legionari guidata da Gabriele D’Annunzio nel settembre del 1919 (ad es: Moscati, Le Cinque Giornate di Fiume, 1931;  Belli, La Notte dei Ronchi, 1920; oppure Kochmizy, La Quinta Stagione, sempre 1920), sino alla Reggenza del Carnaro e al suo rapido epilogo (tra gli altri: Torsiello, Gli ultimi giorni di Fiume, 1921; Botti, Natale di Sangue, 1921). Relativo a questo periodo si segnala anche un esemplare de La Costituzione di Fiume Commento illustrativo di Alceste De Ambris, settembre 1920: testo in cui De Ambris, sindacalista rivoluzionario e autore insieme a D’annunzio della Carta, illustra le caratteristiche di una tra le forse più controverse, probabilmente più originali e sicuramente meno note carte costituzionali del XX secolo. La cosiddetta Carta del Carnaro, istituiva tra l’altro- il diritto alle libertà di stampa, di pensiero, di associazione, di religione, alla parità tra i sessi e al diritto di divorzio, rivelando elementi moderni e financo anticipatori delle moderne Costituzioni. Alcuni volumi sono dedicati alla successiva esperienza del Libero Stato di Fiume (1921-24), in seguito alla decisione del Governo Italiano di sgomberare D’Annunzio e i suoi e alla stipula dei Trattati di Rapallo (ad es. Ferrero, Da Fiume a Roma, 1945), sino al ritorno di Fiume all’Italia coi Trattatti di Roma del ’24, per terminare con l’occupazione tedesca nel ’43 e l’annessione di Fiume alla Jugoslavia nel dopoguerra; a questo proposito segnaliamo un esemplare del Memoriale-Protesta di Fiume ai ministri degli Affari Esteri, redatto da Riccardo Zanella nel 1946 a ridosso dell’occupazione di Fiume da parte delle truppe di Tito. Quella che presentiamo costituisce dunque una raccolta molto eterogenea e piuttosto corposa, di certo storiograficamente parziale e non esaustiva ma di estremo interesse documentario. Viene qui proposta nel suo complesso, con la convinzione che mantenerne l’unitarietà costituisca un elemento di ulteriore curiosità per gli studiosi e gli appassionati di cose fiumane; per la stessa ragione i volumi vengono presentati nell’esatto ordine con cui sono stati originariamente raccolti, nel tentativo di conservare quanto più possibile l’integrità di una collezione realizzata da un testimone diretto di molte delle vicende descritte all’interno della collezione in oggetto. L’indice degli autori posto in coda all’elenco dei volumi rende comunque agevole la consultazione di questo piccolo catalogo. 

(Ringraziamo Maddalena Tramontan, autrice della  catalogazione e della collazione di questa raccolta)

IL CATALOGO E' CONSULTABILE:
 -IN FORMATO PDF (scaricabile)
-IN FORMATO ISSU 

LA COLLEZIONE E' ACQUISTABILE
- SUL SITO INTERNET DELLA LIBRERIA


SANDRA MARCONATO: OPERE



Venerdì 16 giugno presso la Libreria Minerva si aprirà una personale di Sandra Marconato
Si tratta di una esposizione 40 pezzi unici  (alcuni dei quali inediti) divisi tra tessiture di grande formato, lavori su carta e disegni: un’antologia esemplificativa della ricca e originale produzione dell’Artista padovana. La mostra comprende, inoltre, l’esposizione del video “Nel cielo” -sua ultima opera- realizzato dalla Marconato nel 2013: un’affascinante opera di arte visiva consistente nella ripresa del cielo e delle sue modificazioni a camera fissa per migliaia di attimi.
Sandra Marconato nata a Padova nel 1927 e scomparsa nel 2016 , è attiva sin dagli anni ’50. Ha partecipato, ed è stata premiata, alla Biennale di Venezia del 1950 e del 1968, alla XII Triennale di Milano e alla VII Biennale Internazionale de la Tapisserie di Losanna; in oltre mezzo secolo di attività artistica ha realizzato numerose mostre in Italia e all’estero, ottenendo vari riconoscimenti e grande risconto di critica (di lei hanno scritto Flavio Caroli, Enrico Crispolti, Manfredo Massironi).  Nel 1993 è stata realizzata una sua importante mostra a Padova curata da L. Bazzanella Dal Piaz e catalogo realizzato da Ennio Chiggio.
Autrice di una tra le più eclettiche produzioni artistiche del dopoguerra, intellettuale raffinatala, ricercatrice instancabile e creativa, la Marconato ha intrecciato per oltre 50 anni rapporti con le più note Gallerie italiane di arte contemporanea. Ha esordito con lo studio e la produzione di tappetti (fondamentale la sua collaborazione veneziana con Anna Akerdhal Balsamo Stella), coltivando  successivamente -negli anni Settanta- l’interesse  per la tessitura artistica e spostando la sua ricerca -tra gli anni ’80 e ’90- sulla cellulosa e i materiali più tipici dell’arte povera (legno, garza, plexigrass etc.).
La mostra sarà aperta per un mese, dal 16 giugno sino al 16 luglio.
L’inaugurazione, aperta al pubblico, si terrà alle ore 18.00.

LA VENEZIA INCISA DI BRUGNOLI



Dal 15 aprile al 13 maggio, presso gli spazi espositivi della Libreria Minerva:  mostra di Emanuele Brugnoli.
Si tratta di una deliziosa antologia di scorci e vedute veneziane incisi su rame da uno dei più grandi maestri dell'incisione  moderna.
Allievo, presso l'Accademia Clementina di Bologna, del vedutista prospettico e scenografo Valentino Solmi (Bologna 1810-1877) e dell'incisore Anacleto Guadagnini (Bologna, 1831-1919), Brugnoli si trasferì nel 1878.
Iniziò a operare come decoratore (Villa di Pompeo Gherardo Molmeti a Moniga sul Garda, 1885) e ad esporre in varie sedi locali, ad esempio l'Esposizione Nazionale Artistica a Venezia nel 1887 (nella quale funse pure da segretario della giuria di accettazione delle opere) e altre nazionali.
Fu presente in diverse Biennali a partire dalla III del 1899.
Dipinse con varie tacniche ma fu specialista nell'acquerello e nell'incisione all'acquaforte. Assunse pertanto, nel 1912 presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia (già Accademico d'Onore dal 1901), la cattedra della rinata Scuola Libera di Incisione, tenuta poi fino al 1933 (salvo la parentesi bolognese del 1917-18). Gli succedette Giovanni Giuliani. Tenne pure il corso di Prospettiva nel 1919.

 LA VENEZIA INCISA DI EMANUELE BRUGNOLI
 
Emanuele Brugnoli, giunto a Venezia dalla natia Bologna nel 1878, legò subito con le migliori personalità del tempo (Riccardo Selvatico, Pompeo G. Molmenti) e gli artisti presenti nella città lagunare (Milesi, Tito, Favretto, Serena, Urbani, Ciardi, Fragiacomo ecc.) e cominciò ad esporre con i loro propri lavori sia nella città lagunare sie nel resto d'Italia (Bologna, Torino, Firenze, Milano ecc.). Fin dal principio della sua attività e sulla scia della storica scuola inglese, Turner in primis, fu l'acquerello il mezzo espressivo a lui ù consono; è infatti a questa tecnica che Brugnoli è solitamente associato e grazie alla quale conseguì un notevole successo. Tuttavia nn disdegnò neppure l'olio, come è stato ben documentato dall'esposizione trevigiana dello scultore Francesco Scarpabolla del 1998 e da qualche presenza, seppur rara, nel mercato antiquario.
Nondimeno la grafica fu il suo altro precipuo mezzo espressivo. La conoscenza diretta delle opere, ma nache l'amicizia, di artisti stranieri quali Sargent e Whistler, lo spinsero a realizzare acqueforti di grade raffinatezza che iniziò però a esporre solo nel 1901.
Questa sua specializzazione lo portò ad assumere nel 1912 la docenza della Scuola Libera di Incisione, presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia e per volontà del direttore Giovanni Bordiga, insegnamento che terrà fino al 1933.
Con questa esposizione di 23 stampe a diverso formato dedicate a Venezia, intendiamo documentare le perpicue modalità con le quali Brugnoli si cimentò nella tecnica incisoria: del suo sapersi relazionare con l tradizione venezia di Canaletto e Guardi, di Tiepolo e Piranesi; della vicinanza con le “inquadrature” dei contemporanei Guglielmo Ciardi e Pietro Fragiacomo; di come egi riuscì a conferire con il solo tratto inciso l'atmosfera della città lagunare, i rimbalzi della luce solare e dei riflessi dell'acqua, la pastosità delle sue pietre. Ovvero le intense e profonde ombrosità di certi angoli oscuri e le diafane nebulosità nelle quali si perdono gli edifici spinti in lontananza. Ossia restituire l'atmosfera propria della prospettiva aerea. Atmosfere che Brugnoli ottiene con calibrati diversi livelli di profondità: talvolta essi sono nettamente giustapposti, allo scopo di conseguire un deciso contrasto tra primo piano e sfondo, tra pieni e vuoti; talvolta avvicendandosi in un infinitesimo gioco di gradazioni tonali. Aspetti questi che dimostrano la particolare sensibilità e la grande abilità tecnica raggiunta dal maestro bolognese. Le morsure diversamente calibrate, le rare riprese a puntasecca, qualche probabile e blando intervento ad acquatinta a una ponderata pulitura della lastra sono i segreti di queste acqueforti di Brugnoli.

CONFERENZA SU ODOARDO PLINIO MASINI

Venerdì 7 aprile alle 17.00 ospitiamo questa interessante conferenza promossa dal Centro Studi Ettore Luccini e dalla rivista Terra e Storia



BOLLETTINO DELLE NOVITA' FEBBRAIO 2017

Cari amici, ecco a voi   il file pdf  con le nuove acquisizione di febbraio della libreria.

Questo mese sul sito internet della libreria potete trovare in particolare:
-Alcuni significativi ingressi tra i libri di Architettura
-Una nuova sezione dedicata ai Millenni Einaudi
-Una nuova sezione dedicata ai Manuali Hoepli
-Una nuova sezione dedicata alla Grafica Moderna
-Alcuni nuovi ingressi tra i libri del Cinquecento
-Un'interessante raccolta di incisioni seicentesche dei Sadeler
-Alcune novità tra i Dipinti
A presto.

DRO DRONE LAND. Dipinti e incisioni di MARIA CANDEO

Venerdì 24 febbraio alle ore 18,30 alla Sala della Gran Guardia di Padova inaugura DRO DRONE LAND personale di Maria Candeo organizzata dal Comune di Padova, Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche, che rimarrà aperta fino al 26 marzo 2017.
L’esposizione, curata da Enrica Feltracco, presenta 30 opere recenti dell’artista padovana, la cui cifra espressiva risiede nel tradurre e rimodulare immagini di paesaggio, riprese dai satelliti e dai droni, in dipinti, monotipi e grafiche.
La ricerca di Maria Candeo, infatti, prende avvio dalla visione dall’alto, ovvero dalle fotografie scattate dai satelliti, attualizzando in un’ottica contemporanea la rappresentazione ‘a volo d’uccello’, propria dell’arte antica.
L’artista padovana usa queste immagini come modello da riportare sulla tela o sulla lastra d’incisione, attraverso un lungo e attento processo fatto di texture sovrapposte, di delicate

CARLO GOLDONI: COMMEDIE PER TUTTE LE STAGIONI E PER TUTTE LE EDIZIONI...




Marco Alvise Pitteri da Lorenzo Tiepolo, 
Ritratto di Goldoni, incisione, in Carlo Goldoni,
 Commedie, Venezia, Giambattista Pasquali (1761)
Le edizioni a stampa dal Settecento ai giorni nostri

“La mia vita non è interessante. Ma può darsi ,fra qualche tempo avvenire, che in un angolo d'antica biblioteca si trovi una collezione delle mie opere. Saravvi forse alcuno curioso di sapere chi fosse quell'uomo singolare, che ha avuto in mira la riforma del Teatro del suo paese, che ha posto in scena e sotto il torchio centocinquanta commedie in verso e in prosa, tanto di carattere che d'intreccio; ed ha vedute, vivendo, diciotto edizioni del suo Teatro.” Così scrive Goldoni nella prefazione delle sue Memorie; ben consapevole dell'importanza dell'aspetto editoriale dei sui lavori teatrali. Durante la sua lunga vita Goldoni curerà e si occuperà direttamente della promozione di ben cinque edizioni dei propri lavori : un fatto allora del tutto inusuale e forse unico nel mondo della produzione teatrale. Al tempo l'autore dipendeva spesso da una compagnia e sulla propria opera, una volta ceduta al committente, non poteva pretendere alcun diritto. A quanto pare, la scelta di occuparsi personalmente di ognuna di queste cinque diverse edizioni fu lungimirante perchè a ciascuna di esse corrispose un passaggio importante e talora una vera e propria svolta nella sua lunga carriera.

IL BOLLETTINO DELLE NOVITA': GENNAIO 2017

Ecco a voi il Bollettino delle nuove acquisizioni di questo mese.
Potete visionare libri stampe e quadri nella sezione "Novità" del nostro sito oppure in formato pdf.

LA VENEZIA DI LUDOVICO UGHI, OVVERO LA NASCITA DELLA PIANTA TOPOGRAFICA MODERNA

La storia della cartografia veneziana, seconda solo a Roma per ricchezza e varietà di produzione, si può (molto) sommariamente dividere in due fasi, ognuna delle quali copre un lasso di tempo di circa 200 anni: quella che dalla fine del '400 arriva sino alla seconda metà '600,  e quella che dalla fine del  del XVII secolo arriva sino alla metà dell'Ottocento. 

J. De Barbari, 1500
Al primo periodo appartengo le cosiddette vedute prospettiche piante prospettiche della Città e delle Lagune: dalla rarissima  veduta prosp. di Erhard Reuwik (1470), sino  alla   pianta prosp. di Jacopo de Barbari (1500), dalla pianta di Matteo Pagan (1559) al rame di Paolo Forlani (1566), solo per citare alcuni degli esempi più celebri di questa produzione.

IL BOLLETTINO DELLE NOVITA'


Cari amici, qui di seguito trovate (in formato pdf: clicca sul link) il  Bollettino delle Novità dicembre 20016: una piccola selezione tra i libri, le stampe e i quadri recentementi acquisiti dalla Libreria.
Questi, insieme a molti altri nuovi ingressi, sono ordinabili on line e naturalmente sempre visionabili in libreria: veniteci a trovare!

OMBRE DI CARTA...

MOSTRA/ MERCATO DI STAMPE ANTICHE DEDICATE AL VINO E AL BUON BERE.
Dal 10 DICEMBRE 2016 presso la Libreria Minerva, Via Del Santo 79 Padova.

La vite e il vino costituiscono elementi ricorrenti in tutte le manifestazioni familiari, culturali e sociali.
Non a caso uno dei temi iconografici più ripresi e celebrati dall'Arte è proprio “il bere”, declinato nelle sue diverse tipologie decorative: dalla simbologia pagana e mitologica a quella cristiana sino alla più moderna rappresentazione del buon bere come fatto civile.